lunedì 9 novembre 2015

Jordan 199 : Irlanda (quasi) sul tetto del mondo


Da ferrarista convinto, devo dire che nel 1999 un pochino simpatizzavo per la Jordan (mi piace simpatizzare per gli outsider). Evoluzione della Jordan 198,per la creazione della 199, Gascoyne puntò molto sulla cura dell'aerodinamica.


Comparvero infatti due pinne davanti alle fiancate e, alla scopo di creare delle fiancate compatte con il resto della vettura, venne spostato in basso il serbatoio. Particolare conformazione aveva anche l'alettone anteriore, costruito in modo da avere un flusso d'aria ottimale nella parte sottostante la monoposto.A sua volta il fondo della 199 presentava, rispetto alla stagione precedente, una carenatura nella parte iniziale delle fiancate.Altre novità riguardarono il motore che, con il nuovo MF-301HD, era in grado di sprigionare una maggiore potenza ed, essendo più compatto, permetteva un abbassamento del baricentro della vettura. Inoltre il propulsore era fissato al telaio, riprendendo una soluzione simile a quella usata negli anni '70. Anche il serbatoio dell'olio subì delle modifiche, venendo spostato più centralmente. Molte polemiche causò la presenza di due alette ai lati della testa del pilota, invece delle tradizionali protezioni imposte dal regolamento. Per questo motivo la FIA decise di vietare questo tipo di soluzione tecnica.

Fu l'unica vettura della scuderia irlandese a cogliere due vittorie in Formula 1 nella stessa stagione (Italia e Francia) ed a poter competere per la vittoria di un titolo mondiale grazie ad Heinz-Harald Frentzen.Sia lui che il tema arrivarono terzi in classifica finale, miglior risultato in assoluto per il team irlandese.

Le due 199 di Frenzen e Hill 

L'intero team Jordan al completo

Frontale della 199

Profilo della 199

Nessun commento :

Posta un commento