venerdì 1 gennaio 2016

Rinspeed Etos : La portadroni



Se non sorprende, non è Rinspeed. E proprio per rimanere fedele a questo concetto l'azienda automobilistica svizzera ha realizzato la Etos, la prima portadroni stradale della storia.


Si, perchè questa supercar basata sulle meccanica della BMW i8 trasporta sul cofano motore posteriore un piccolo drone quadcopter che può decollare e atterrare in qualsiasi momento (certo, magari non mentre sfrecciate a 300 km/h....).

 Oltre a ciò, è stato montato un sistema di otto telecamere esterne che permettono di osservare a 360° eliminando così i pericolosi angoli cechi. Gli interni sono stati aggiornati equipaggiando  dei grandi schermi curvi da 21,5 pollici per garantire uguali opportunità di consultazione dell'infotainment sia al pilota che al passeggero. Il driver inoltre, può contare anche su un volante ripiegabile di sicuro impatto scenico.

Per incrementare la sicurezza di guida, tutti i comandi possono essere gestiti tramite ordini vocali e gestuali. Io me la comprerei solo per il drone, ma l'intero pacchetto è veramente da vertice.

Dettaglio laterale della Etos che mostra uno degli specchietti retrovisori digitali


La super tecnologica plancia della Etos

Dettaglio del ponte di volo posteriore della Etos 

La sezione posteriore della Etos



Nessun commento :

Posta un commento