sabato 29 ottobre 2016

BMW Motorrad R Nine T Racer : Rennsport Spirit


In tempi recenti, la BMW Motorrad viene ricordata in campo sportivo per le sue vittorie nel campionato Superstock 1000 colte a partire dal 2010. Ma spesso ci si dimentica che tra la metà degli anni '60 e la metà degli anni '70 le moto della casa bavarese si resero famose sulla scena internazionale conquistato le più prestigiose gare di durata dell'epoca.
E proprio per omaggiare quel periodo d'oro la BMW ha deciso di realizzare una versione Racer della propria R Nine T.

A livello meccanico la moto implementa un propulsore Boxer con raffreddamento aria/olio da 1170 cc che eroga la potenza di 110 cv e che viene gestito da un cambio a sei rapporti.

Esteticamente la moto si riconosce per il nuovo cupolino e per la semi carenatura colorati con la livrea classica della casa tedesca. Fa anche bella presenza un nuovo scarico sportivo in acciaio inox.

Le pedane arretrate e i semimanubri sono in alluminio fucinato, questi ultimi sono montati bassi e fissati direttamente alla piastra sterzo superiore anodizzata al naturale.

La R nineT Racer si presenta con codino in alluminio; come ai tempi passati, semi carenatura tagliata bassa e stretta e serbatoio da 17 litri. La vista frontale della R nineT Racer è dominata dal classico proiettore circolare con l’emblema BMW inserito centralmente sul coperchio della lampadina. Sulla moto troviamo poi due strumenti analogici, con una linea semplice e circolare.

La R nineT Racer è dotata di serie di un computer di bordo che visualizza sul display a segmenti le informazioni principali, come l’ora, la marcia innestata, l’autonomia residua, i chilometri giornalieri percorsi, il Service Intervall, la velocità e il consumo medio.

In definitiva una moto nata per rievocare glorie passate, pronta però a far provare emozioni forti alla vecchia maniera per chi avrà la fortuna di guidarla.

Profilo laterale della Racer

Dettaglio del nuovo cupolino

Profilo posteriore della Racer

Immagini tratte da InSella.it

Nessun commento :

Posta un commento