martedì 8 novembre 2016

Dodge Challenger I Shakedown : Le Leggende non muoiono, Evolvono


Ormai è risaputo che la terza generazione della Dodge Challenger si è confermata come una degna Muscle Car statunitense al pari della Chevrolet Camaro e della Ford Mustang. Ma, nonostante tutto, c'è chi ancora ripensa con nostalgia alla primissima Challenger e proprio per quei nostalgici la casa statunitense ha deciso di presentare al SEMA 2016 una versione modernizzata della medesima.
Denominata Shakedown, è riconoscibile per la livrea nero opaca corredata da una banda da gara centrale rosso/nera lucida.

Cuore del mezzo è un gigantesco propulsore V8 6.4 dalla potenza di 485 cv raffreddato tramite una presa d'aria Shaker posta al centro del cofano anteriore ed abbinato ad un nuovo impianto di scarico sportivo in acciaio inox . Per frenare l'immane potenza della Shakedown sono stati montati nuovi freni a disco Brembo SRT e per tentare di renderla maneggevole sono state impiantite nuove sospensioni  sportive ribassate, nuovi cerchi in lega ed un roll-bar di sicurezza per irrigidire il telaio.

Nel bagagliaio è stato sistemato un nuovo serbatoio da corsa per ospitare litri di carburante extra e molte componenti degli interni sono derivate dalla SRT Viper, tra cui i sedili in pelle e la strumentazione Mopar del quadro comandi. Derivati dalla SRT Hellcat sono invece i gruppi ottici anteriore e posteriore e la griglia del radiatore.

Sembra un auto pronta a fare a pezzi qualsiasi sfidante sui percorsi da Drag Racing, ma sulla sua effettiva manovrabilità in curva i dubbi permangono. E pur sempre una Challenger I....

Stey Fast, Stey Mopar

Il leggendario Shaker

Segni distintivi : Potenza

Opaca come la cenere in cui ridurrà i suoi avversari (sul dritto)

Immagini tratte da Omniauto,it

Nessun commento :

Posta un commento