martedì 21 marzo 2017

Vyrus 986 M2 : Cuore pistaiolo


Se vi capita di passare per il comune di Cerasolo Ausa e siete fan delle due ruote non potete che fermarvi ad ammirare lo stabilimento produttivo della Vyrus, un'azienda derivata dalla storica Bimota che punta alla realizzazione di moto ad elevatissime prestazioni sin dal 2001.

Il loro motto è "Questa è la mia Sfida!", e guardando la loro ultima realizzazione si capisce il perchè di questa affermazione.

Si tratta della 986 M2, una moto derivata direttamente dal mezzo che hanno impiegato ultimamente nel campionato CEV in classe Moto2.

Va fatta però una precisazione. Non si tratta della solita moto stradale depotenziata che riprende la base meccanica di un veicolo da competizione, ma di una vera e propria motocicletta da competizione a cui è stato aggiunto il minimo necessario per permetterle la circolazione ordinaria.

Alla base della struttura della 986 M2 sta un telaio doppio Omega rovesciato realizzato utilizzando un inedito mix di materiale composito ed ergal volto ad assicurare leggerezza e solidità alla moto viste le notevoli sollecitazioni a cui viene sottoposta.

Tali sollecitazioni sono in buona parte causate dal propulsore Honda raffreddato a liquido che eroga la potenza di 120 cv con 66 Nm di coppia e che viene gestito da un cambio a sei rapporti. Tale potenza viene tenuta a freno da un'impianto frenante a disco costruito dalla Brembo montato vicino ai cerchi in alluminio forgiato.

Il sistema di sterzo è a mozzo sterzante,  permettendo una guida agile e precisa anche grazie al supporto dell’architettura  Push-Road delle sospensioni sia all’avantreno che retrotreno.

Tutti i componenti in lega leggera sono ricavati dal solido: pedane, leve rinvii e tutti i supporti del telaio, un inedito radiatore chiuso nella carrozzeria, il nuovo sistema di scarico a V e i forcelloni in lamiera di Peralluman piegati e saldati a mano.

Gli ingegneri si sono dati straordinariamente da fare per progettarla, tanto da ottenere forse una valida alternativa alle solite Ducati ed MV-Agusta.

Nessun commento :

Posta un commento