giovedì 20 aprile 2017

Alpine A440 : Obbiettivo Le Mans


Dopo diversi successi nel mondiale rally e in Formula 3 la Alpine, nel 1971, convenne che era arrivato il momento di entrare nel mondo dell'Endurance.
Sfortunatamente la direzione della Renault non assecondò le sue aspettative in un primo momento in quanto era già impegnata nello sviluppo di auto da competizione con la Gordini.

Nel 1972 i capi della casa francese completarono lo sviluppo del loro nuovo V6 2.0 da 270 cv e decisero di innestarlo in un'autovettura realizzata dalla Alpine per non scontentare nessuno.

Fu così che nel 1973 nacque la Alpine A440, la quale era pronta a gettare il guanto di sfida alle vetture britanniche che all'epoca dominavano il Campionato Europeo per Vetture Sport 2 Litri.

Progettata da André de Cortanze, l'auto aveva la struttura basata su di un telaio tubolare avvolto da una carrozzeria in fibra di vetro dotata di due prese d'aria laterali e di un airscope superiore per permettere un migliore raffreddamento della componentistica meccanica. La gestione del propulsore era affidata ad un cambio manuale  Hewland FT 200  a cinque rapporti.

Iscritta al campionato con i piloti Jean-Pierre Jabouille e Alain Serpaggi, la A440 vinse alcune delle prime prove ma poi cadde preda della concorrenza a causa dei problemi che interessavano lo sterzo, l'aerodinamica e le sospensioni. Complice anche una tendenza acuta al sottosterzo, la vettura venne presto sostituita con la più evoluta A441.

Nessun commento :

Posta un commento