mercoledì 3 maggio 2017

Fratelli Brambilla Parabolica : L'amore per la dieta


Il circuito di Monza è uno dei migliori al mondo e ospita da da anni ormai il Gran Premio d'Italia oltre ad altri eventi di spessore internazionale.



Tra i suoi punti più famosi vi è la curva Parabolica, posta in congiunzione degli ultimi due rettilinei dell'autodromo e teatro di numerose staccate al limite. La sua fama è tale che recentemente gli è stata dedicata anche una moto.

Si tratta della Fratelli Brambilla Parabolica, una Special realizzata dai fratelli Roberto e Carlo Brambilla basandosi su una Moto Guzzi 1000 SP dismessa.

Il lavoro dei figli dell'indimenticabile Vittorio si è concentrato sul realizzare una moto dalle prestazioni di tutto rispetto e dal peso anoressico. In virtù di quest'ultimo dettaglio la semi-carena e il codino sono stati realizzati in fibra di carbonio mentre il serbatoio è stato costruito impiegando l'alluminio.

La cura dimagrante ha interessato anche il propulsore V-Twin che, dopo essere stato alleggerito di 1.5 kg, è stato potenziato fino a 975 cc per una potenza 115 cv. Ciò è stato possibile tramite il montaggio di nuovi pistoni Turino, di un nuovo radiatore dell'olio Setrab, di nuovi carburatori Lectron e di un nuovo impianto di scarico fabbricato in casa.

Per conformarsi alle nuove prestazioni si è reso necessario anche intervenire sulla ciclistica introducendo una forcella anteriore a steli rovesciati e nuovi ammortizzatori posteriori Ohlins.

Sarebbe interessare analizzare la punta massima che può raggiungere questo gioiello artigianale sulla mitica sopraelevata monzese. Un'autentica sfida con la morte.

Nessun commento :

Posta un commento