mercoledì 21 giugno 2017

AC Schnitzer 323i Turbo : La Trinità dell'elica


Nel caso si dovesse parlare di BMW ad elevate prestazioni si finirebbe a citare necessariamente il famoso reparto Motorsport della casa bavarese o il preparatore Alpina che da anni ci delizia con le sue elaborazioni ad'alto concentrato di prestazioni e tecnologia.
Eppure c'è un terzo incomodo che potrebbe venir' fuori, e cioè la AC Schnitzer di Aquisgrana. Fondata alla fine degli anni '70 dagli stessi proprietari del team Schnitzer per occuparsi della preparazione di autovetture BMW ad uso stradale, realizzò come primo modello una variante Turbo della 323i lanciata come top di gamma nel 1979.

La vettura manteneva inalterata buona parte della struttura ma era riconoscibile per le vistose decalcomanie applicate dai tecnici lungo la carrozzeria, per i nuovi cerchi in lega BBS avvolti in pneumatici sportivi e per un nuovo spoiler posteriore di piccole dimensioni.

A livello meccanico il propulsore M20 2.3 gestito da un cambio manuale a cinque rapporti venne potenziato con il montaggio di un turbocompressore KKK e di un nuovo sistema di scarico con terminali in acciaio inox. Ciò permise l'erogazione di una potenza pari a 200 cv, garantendo il raggiungimento di una velocità massima di 225 km/h.

Il tutto era coronato con l'aggiunta nell'abitacolo di un nuovo manometro per il turbo sul quadro comandi e di nuovi sedili sportivi.

L'auto ebbe successo, tanto che ancora oggi l'azienda di Aquisgrana ci tiene compagnia con i suoi prodotti a due e quattro ruote di elevata qualità.

Nessun commento :

Posta un commento