lunedì 24 luglio 2017

Birchall McCoy : La Mini Coupè


Arthur Birchall era un ex ingegnere motoristico britannico che durante gli anni '70 aveva lavorato per il Team Lotus sia in Formula 1 che nel campionato Indycar.
Dopo il suo allontanamento dalla casa di Hethel aveva fondato all'inizio degli anni '80 la Birchall Automotive Ltd. specializzata nel restauro di autovetture fabbricate dalla Aston Martin. 

Verso il 1988 Arthur decise però di riprendere il progetto della kit car Clan Crusader a cui aveva partecipato diversi anni prima e di svilupparlo in maniera autonoma modificando diversi parametri. 

La Crusader era una piccola coupè a due posti dalla linea molto aerodinamica che sfruttava la meccanica della Hillman Imp, ma per la nuova kit car venne deciso di cambiare base meccanica di partenza mantenendo però abbastanza inalterato il design limitandosi ad affinarlo e a renderlo più armonioso nelle linee. 

La vettura, denominata Birchall McCoy, impiegava questa volta come meccanica la Austin Mini Cooper Mk IV motorizzata con un propulsore BMC A-Series 1.2 da 54 cv di potenza con 88 Nm di coppia. 

Costruita fino al 1990 in un centinaio di esemplari sia assemblati che in scatola di montaggio, la McCoy fu una delle migliori kit car su base Mini che seppe ritagliarsi una buona fetta di mercato durante la sua produzione.


Nessun commento :

Posta un commento