sabato 15 luglio 2017

Plan B Motorcycles 512 M : Alla memoria dei vinti


Alla fine del 1970 Enzo Ferrari diede ordine al proprio staff tecnico, dopo essersi consultato con il pilota Tino Brambilla, di apportare numerose modifiche alla sua 512 S in modo tale da renderla più competitiva nella stagione 1971 del campionato mondiale sportprototipi.
Da ciò nacque la 512 M, una vettura che, sebbene non sia mai riuscita ad imporsi in nessuna gara del campionato, è riuscita comunque a ritagliarsi un posto nel cuore degli appassionati. Tra di essi vi è Christian Moretti, dirigente della Plan B Motorcycles specializzata in preparazione motociclistiche.

Per omaggiare la coraggiosa ma sfortunata vettura del cavallino rampante quest'anno il preparatore ha deciso di realizzare una cafè racer a lei dedicata basandosi su di una Benelli 354 Sport ritrovata abbandonata in un garage.

Il propulsore originale da 354 cc è stato sostituito con un nuovo motore da 500 cc in grado di erogare la potenza di 78 cv anche grazie all'innesto di un nuovo sistema di scarico a quattro terminali in ceramica realizzato dalla HP-Corse, mentre il telaio originale è stato tagliato nella sezione posteriore per consentire in maniera più agevole l'installazione di una una mono regolabile costruita dalla Gears Racing.

Il telaio è stato poi coperto da una nuova carena realizzata in fibra di vetro e alluminio per contenere il peso. Quest'ultima è stata colorata con la livrea blu della 512 M Sunoco allestita da Roger Penske e portata in gara dai piloti David Hobbs e Mark Donohue. Molti si ricorderanno il loro mitico 3° posto assoluto alla 24 Ore di Daytona del 1971 ottenuto tirando il collo alla Porsche 917K di Rodriguez/Oliver nonostante fosse stata rattoppata con metri di nastro adesivo dopo il contatto con una delle tante 911 che si trovavano in pista a fare da ostacolo ai superprototipi.

Essendo che anche la testa del motore è stata ingrandita ed è stato equipaggiato un nuovo sistema di accensione elettronico Dynatech, l'unica componente originale rimasta della 354 sono i cerchi da 18" avvolti in pneumatici sportivi Avon.

Come al solito i puristi grideranno allo scandalo, ma io non posso fare a meno di ammirarne la qualità costruttiva e il nobile gesto di ricordare una sfortunata ma tenace autovettura da corsa.

Nessun commento :

Posta un commento